0

Bacche di Goji

Posted by Darth on 3 settembre 2018 in Alimentazione & Alimenti |

Le bacche di Goji (Lycium barbarum) sono usate da secoli nella medicina naturale delle popolazioni locali come un farmaco naturale, capace di conservare nel tempo la salute, il vigore fisico e la freschezza mentale anche in tarda età, tanto da meritarsi l’appellativo di “frutto della longevità”, una qualità ormai riconosciuta anche in occidente. Sono originarie delle valli e degli altipiani himalayani a circa 1500m di altezza, crescono in zone caratterizzate da elevatissime escursioni termiche e da terreni ricchi di sali minerali, grazie anche alle acque del fiume Giallo. Il goji, pianta che da origine alle bacche, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Solanacee, la stessa di melanzane, pomodori, tabacco e peperoncino.

Le proprietà delle bacche di goji

Se la medicina tibetana e quella tradizionale cinese le usano per ricaricare l’energia vitale (Qi), in particolare quella dei meridiani Yin di organi come reni, polmoni e fegato, le ricerche fitoterapiche moderne ne hanno confermato l’efficacia: una ricerca condotta da un team dell’Università di Sydney (Australia) ha dimostrato infatti la presenza nelle bacche di goji di una notevole quantità di antiossidanti e antinfiammatori naturali, vitamine e acidi grassi essenziali, capaci sia di proteggere la pelle dall’azione aggressiva dei radicali liberi che di promuovere la salute degli organi.

I benefici delle bacche di goji

A fare la differenza, sono in particolare gli LBP (Lycium Barbarum Polysaccharides), un tipo di polisaccaridi antiossidanti bioattivi presenti esclusivamente in questi frutti e in abbondanza (tanto da costituirne 31% del peso) e che, secondo le ricerche, oltre a contrastare lo stress ossidativo, sostengono le difese immunitarie, proteggono il sistema nervoso, abbassano la glicemia e normalizzano il pH del sangue. Per questo le bacche di Goji sono spesso consigliate a chi ha le difese immunitarie indebolite ed è vulnerabile a virus o si sente sempre spossato.

Le bacche di goji abbondano anche di betacarotene, un precursore vegetale della vitamina A indispensabile per mantenere sana la pelle e proteggerla contro i danni ossidativi causati dall’inquinamento e dalla luce solare e contro le infezioni batteriche e fungine; vitamina C, che promuove l’assorbimento del ferro e tonifica la pelle, vitamina E e l’acido linoleico, prezioso per il buon funzionamento del sistema nervoso e vitamine del gruppo B, benefiche per il sistema nervoso, che regolarizzano il sonno, intervenendo sulla produzione di serotonina, e favoriscono il buon funzionamento della tiroide. Inoltre contengono gli 8 aminoacidi essenziali, minerali come lo zinco, il germanio – un potente antiossidante e anti tumorale – e il selenio, oltre a ferro, calcio, potassio, e cromo, che influenzano il metabolismo di carboidrati e grassi, con effetti positivi sul controllo del peso ma anche sul tono dei tessuti cutanei.

Fa bene all’intestino grazie alle fibre e ai probiotici

L’associazione tra i polisaccaridi e le fibre presenti nelle bacche di goji, ha rivelato anche una notevole attività probiotica, promuovendo la crescita e lo sviluppo di flora batterica benefica a livello intestinale e contrastando la permeabilità delle pareti enteriche, con un benefico effetto riequilibrante nelle intolleranze alimentari di origine infiammatoria.

Inoltre l’associazione tra LBP, carotenoidi (in particolare betacarotene, luteina e zeaxantina) e vitamina C, oltre ad agire come potente antiossidante e ad aumentare le difese naturali dell’organismo, sembra in grado anche di contrastare le malattie degenerative, sia a livello cellulare che cerebrale, prevenendo la comparsa di degenerazioni cancerogene o patologie come l’Alzheimer.

Proteggono la vista prevenendo le degenerazioni oculari

Grazie alla ricchezza di carotenoidi, in particolare la zeaxantina, le bacche di goji hanno dimostrato anche di esercitare un notevole effetto protettivo contro alcune forme di degenerazione retinica, in particolare contro la degenerazione maculare senile dovuta all’età, riducendo lo stress da ossidazione e contrastando i danni provocati dalle lunghezze d’onda della luce blu.

 

Tag:,

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2013-2018 Ocus Focus BLOG All rights reserved.
This site is using the Multi Child-Theme, v2.2, on top of
the Parent-Theme Desk Mess Mirrored, v2.5, from BuyNowShop.com